17 12 2014 Autore Nome: viaggiavventura Cognome: Avventura

ARGENTINA PROFONDA E PRIMITIVA! UN TRATTO DELLA MITICA RUTA 40

Avete mai visto i meravigliosi paesaggi che si alternano lungo la mitica Ruta 40 in Argentina? No? Beh, è arrivato il momento giusto per avventurarvi lungo questa superlativa carretera!

La Ruta 40 non è solo Argentina: quasi 5000 km (4885 per la precisione), da La Quiaca a nord, al confine con la Bolivia fino a Cabo Virgenes, all’estremo sud del continente Americano. Da 3442 a 0 metri sul livello del mare attraversa 20 parchi nazionali, 18 fiumi, 27 passi andini, 13 specchi d’acqua tra laghi e lagune fino a raggiungere quasi 5000 metri d’altitudine con il passo andino Abra del Acay. Un tragitto mitico, a tratti asfaltato a tratti sterrato, che costeggia alcuni dei paesaggi più maestosi al mondo: meraviglie geologiche, importanti reperti storici, fauna selvaggia, boschi, steppe, vigneti e città coloniali.

Oggi vi proponiamo un tratto specifico di questo emblema argentino della ruta 40, quello che va da Perito Moreno fino a El Chalten, 600 chilometri di rara bellezza lungo una linea che corre tra le Ande e la meseta patagonica alternando paesaggi dai contasti cromatici impressionanti, il blu cobalto dei laghi glaciali si alterna allo sfondo delle Ande innevate e al giallo verde della meseta. Fino a raggiungere il top dello spettacolo andino quando davanti ai nostri occhi iniziamo ad intravedere le inconfondibili sagome del FitzRoy e del Cerro Torre, un paradiso per gli amanti del trekking e un incubo per gli alpinisti.

Un percorso On The Road non solo per godere dei panorami mozzafiato, ma anche per immergersi nelle diverse culture, tradizioni e popolazioni di questi luoghi, quasi al confine del mondo! Per non parlare dell’incredibile fauna che abita questi ambienti, tra guanachi, armadilli e nandu!

Ps. L’assoluta calma è il mood giusto con il quale iniziare un viaggio in Patagonia! Il ritmo di vita è molto lento, lo ricorda anche un detto patagonico: «El que viene apurado a la Patagonia viene a perder el tiempo», chi viene in Patagonia con la fretta perderà tempo!

Che aspetti andiamo in Argentina a guidare sulla Ruta 40!

Una risposta

  1. Vincenzo Rovito / 27 04 2018

    Ho percorso la ruta40 nel 2012 e ancora oggi, ogni volta che mi imbatto in un articolo, in un video in una foto della R40 ricordo con nostalgia le ore, i giorni trascorsi su questa mitica strada, i silenzi, il vento che sferza il viso, gli odori i tanti luoghi che ti lasciano con il fiato in gola tanta è l’emozione che suscitano.

    Vincenzo Rovito

Ti è piaciuto quello che hai letto? Lascia la tua opinione.

css.php
Vai alla barra degli strumenti